Home

Nawroz (capo d'anno kurdo)

C’era una volta in Kurdistan un re di nome Zoak che opprimeva il popolo come un vero despota. Questo re si ammalò: su ognuna delle sue spalle si levava minaccioso un serpente che voleva divorargli il cervello. Essi sibilavano senza fermarsi e cercavano di scivolare nelle orecchie del re. Non potendo più sopportare questa situazione, Zoak chiamò un medico che gli diede un consiglio terribile: per potersi liberare dai due serpenti avrebbe dovuto dar loro ogni giorno il cervello di un adolescente. Questo consiglio fu seguito e i ministri consegnavano regolarmente dei giovanetti al re. Poiché le vittime aumentavano, alcuni Kurdi decisero di ritirarsi sulle montagne per sottrarsi a questo mostro. Tra di loro c’era un fabbro di nome Kawa che aveva dato molti dei suoi figli in sacrificio. Egli aveva finalmente deciso di ribellarsi con i suoi compagni e, per dare un segnale al popolo intero, dichiarò: "Quando vedrete bruciare un fuoco su tutte le cime delle montagne del Kurdistan, potrete iniziare a ribellarvi tutti insieme." Tutto andò secondo le sue previsioni e durante la ribellione Kawa e i suoi compagni uccisero il re e i suoi ministri, mettendo così fine alla oppressione reale e chiamarono il loro primo giorno di libertà "Nawroz", il "Nuovo Giorno".

Ma Nawroz è anche la festa nazionale kurda. Apre la primavera, poiché è il 21 marzo. E’ una festa che ha prima di tutto un significato politico e le autorità lo sanno bene, dal momento che la proibiscono.

Il 21 marzo, quindi, i Kurdi si recano sulle cime delle montagne per accendere dei fuochi. Il fuoco è insieme il simbolo della vita, della primavera che si rinnova, e il simbolo della rivoluzione. Le montagne si accendono, quindi, malgrado le autorità lo vietino, perché per loro questo significa che finché ci saranno fuochi sulle cime quella notte, ci saranno dei Kurdi.

Quando tutto il popolo è riunito, gli intellettuali e i professori leggono poesie rivoluzionarie, tradizionali o di loro composizione. Poi tutti gli ascoltatori cantano i canti più noti dedicati a Nawroz. La canzone del poeta kurdo Piramerd inizia con queste parole:

"Oggi è il primo giorno del nuovo anno
che torna a noi.
E’ un’antica festa kurda
e il suo ritorno ci riempie di gioia.
Ecco il sole che sorge
dalle vette dei monti.
E’ il sangue dei martiri che
si riflette nell’aurora.
Non vale la pena piangere i martiri,
perché quelli che vivono nel cuore
del loro popolo non muoiono mai.
E’ questo colore vermiglio
sulle vette dei monti
che porta la notizia ai Kurdi,
nelle vicinanze come ai confini del paese."

In questa poesia cantata compare un nuovo significato simbolico del fuoco: è il sangue kurdo versato come prezzo per l’indipendenza il cui colore non soltanto macchia l’aurora, ma scaturisce anche dai fuochi accesi nella notte.

Piramerd non è il solo ad aver scritto su Nawroz. Alla richiesta del popolo numerosi poeti e cantori si ispirano a questa festa e un adattamento teatrale, a mezza strada tra il mito e la realtà, ebbe un grande successo nelle città del Kurdistan.

Questo successo e questa festa continuano a preoccupare le autorità, che ogni anno temono le sue possibili conseguenze. Per questo lo stato iracheno ha tentato di mascherare questa festa dandole un nome arabo, con un diverso significato e l’ha chiamata "Festa degli alberi", mentre in Turchia è stata vietata completamente.

  [Introduzione - Rassegna - Iniziative - Documenti - News]

 
Associazione Azadì
Via Siena - 1
95128 Catania
Tel: 095 503761
095 334725
fax: O95 503761
E-mail:
info@azadi-kurdistan.org
C/C postale n° 17072950